fbpx
vacanze con bambini, Dolomiti
Alto Adige

Val di Casies: giro delle malghe con i bambini| Mamma con Caschetto

Una passeggiata non troppo difficile, se non per il dislivello percorso, da poter effettuare anche con bambini abituati a camminare in Val di Casies, con vista spettacolare sulle Dolomiti. Un pò faticosa ma la vista sulle montagne circostanti merita davvero.

Perché visitare la Val di Casies

Per prima cosa la valle in cui si svolge, la Val di Casies, è meravigliosa. E non esagero. È una valle laterale della famosissima e, ultimamente molto frequentata, Val Pusteria. Appena imboccata la strada per Monguelfo – il primo paese che si incontra- sembrerà di tornare indietro nel tempo. E più si sale, più la valle diventa autentica, di un verde che vedi solo nelle fotografie.

Ed ecco che, salendo per la Val di Casies, si presenta il paese di Santa Maddalena, vicinissimo al confine, dove il sole illumina le case di una luce purissima e le montagne tutte intorno fanno da cornice. Non ci sono rumori tranne lo scorrere dell’acqua nel ruscello e i campanacci al collo delle mucche.

Perché i bambini si innamoreranno di questo posto.

Amo questa escursione perché è stata la prima dopo i nove mesi di gravidanza e i nove mesi della mia nuova vita da mamma, della nostra nuova vita in tre. E perché per la prima volta nella sua vita Cloe ha raggiunto i duemila metri, poco importa se sulle spalle di papà ha dormito quasi sempre! Ma si è svegliata giusto in tempo per godersi il panorama dalla malga. Un panorama che spazia a 365 gradi su tutte le Dolomiti.

Giro delle Malghe in Val di Casies

Con la macchina si raggiunge il paese di Santa Maddalena in Casies: ora noi stupiti dalla bellezza della natura, abbiamo lasciato l’auto nei parcheggi di fronte alla chiesa del paese, cioè i primi che abbiamo incontrato. Tanta era la voglia di partire a piedi. Il sentiero per la baita Uwald – troverete i cartelli che indicano in tedesco Uwaldalm– parte in realtà due chilometri più in su, e si può tranquillamente lasciare l’auto li. Noi abbiamo attraversato a piedi tutto il paesino, e devo dire che n’è valsa la pena: curiosare all’interno delle fattorie, vedere i bambini del posto giocare liberi nei campi.

Direzione Uwaldalm

La salita alla malga inizia dolcemente lungo una strada asfaltata che diventerà presto una mulattiera: la pendenza è purtroppo sempre costante. Non eccessiva, ma non lascia un attimo per respirare. Io, non allenata, ho pensato di non riuscire, di voler tornare indietro. Ma è proprio in quel momento che il bosco inizia a diradarsi, compare un bellissimo ruscello di montagna, si intravede il tetto della baita e allora non ti fermi, manca davvero proprio poco. I 6 chilometri di salita si fanno sentire tutti, ma quello che vi aspetta da Uwald è a dir poco spettacolare. Una vista che spazia su tutte le Dolomiti, sulle Crode, sulle Alpi Austriache – siamo veramente vicinissimi al confine- e sulle vallate Alto atesine. È impressionante, veramente. E la fatica sarà già un ricordo! Il tempo di un po’ di relax e di un ottimo piatto a base di uova, patate e speck e si riparte per il ritorno. Ovviamente non manca il menù bambini.Si può scegliere di rifare la strada dell’andata o di prendere una scorciatoia, che costeggia il ruscello: noi abbiamo optato per quest’ultima, molto più caratteristica, ma veramente ripida. I bambini più grandicelli si divertiranno tantissimo a correre tra ruscelli e cascate! L’abbiamo fatta quasi di corsa. Volendo si può fare anche in salita, ma solo se siete veramente allenati!!

Uwaldalm è solo la prima tappa per chi decide di percorrere interamente il Sentiero delle Malghe 2000 in Val di Casies: ci sono ben altre due malghe dove poter assaggiare deliziosi piatti tipici altoatesini.

Dalla Malga Uwald il sentiero continua verso le malghe Stumpfalm e Kaseralm, per un totale di 15 km.

PIANIFICA L’ESCURSIONE

Per tutti i dettagli sui tempi precisi di percorrenza, sui dislivelli e sui sentieri da percorrere puoi cliccare qui.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *