fbpx
Natural Lifestyle

Riflessioni su come la neve migliora la qualità di vita dei nostri bambini, aspettando il disgelo!

1 Marzo, secondo il calendario meteorologico oggi entra la primavera, secondo il calendario di casa mia – abito al mare tra l’altro- oggi entra la neve se apro la finestra. Ebbene sì, siamo già al quarto giorno di neve: se i primi due sono stati una gioia, il terzo così così, oggi direi ebbasta!! La mia pupa devo dire si è divertita e rilassata molto, si perché abbiamo abbandonato la routine frenetica quotidiana e ci siamo regalate giornate tranquille a casa con uscite mattutine e pomeridiane al parco per giocare con la neve. Io la vedo già grande – ha solo un anno e mezzo – e la coinvolgo nelle mie attività, con i miei orari; in realtà i bambini hanno bisogno di routine, di stare quell’oretta la mattina e il pomeriggio fuori a giocare, poi rientrare e rilassarsi con un bel bagnetto e con i propri giochini in casa. Il problema è principalmente il mio, faccio mea culpa, ma non sono abituata a questa vita casalinga, dopo un po’ di annoio parecchio. Ho bisogno di stimoli, di girare, di vedere altri posti al di fuori del parchetto sotto casa! Mi rendo conto di come io in realtà sia cresciuta esattamente senza ritmi frenetici, mia mamma lavorava e a noi bambine ci guardava la nonna, che essendo senza auto ci portava al massimo a giocare sotto casa. Ora per mia figlia è molto diverso, io macino parecchi chilometri ogni settimana, e ovviamente lei viene sempre con me. Sarei ipocrita se dicessi di cambiare, perché non riuscirei, almeno non nella città in cui vivo. Mi ritrovo a fantasticare a come sarebbe diverso se vivremmo in un paesino dell’ Alto Adige – tanto per cambiare, sono fissata lo so! – con l’alimentari del paese, tutto a portata di camminata, senza prendere l’auto, lasciando i bambini giocare tranquilli in mezzo alla natura. Mi piacerebbe, ma nella realtà poi sarebbe veramente così?! Intanto che aspetto il disgelo a casa mia, continuo a sognare come sarebbe la nostra vita da Heidi! E perché no, con un pizzico di coraggio in più si potrebbe tentare!

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *